Buon gusto e fantasia: le proposte dei nostri chef

Ingredienti di grande qualità, cucina d’esperienza, un pizzico di creatività: così le pietanze di Catering & Banqueting sono sorprendentemente piacevoli per il gusto e nell’aspetto, e sanno soddisfare anche gli Ospiti più esigenti. In più con noi tutto è su misura, al momento giusto e nelle proporzioni perfette.

Tanti anni di esperienza sono importanti per cogliere i punti critici di questa attività, specie in un settore ricco di operatori e di variabili come quello del catering.

Per questo abbiamo raccolto una serie di suggerimenti utili per una scelta ragionata del vostro partner di fiducia, a cui potrete affidarvi con la massima tranquillità,non prima di aver verificato che tutto corrisponda alle apparenze. Come si dice? Fidarsi è bene ma…

 

  1. Il catering parla italiano? Ritrovarsi circondati da uno staff che non conosce una sola parola della vostra lingua non è il massimo: accertatevene!

 

  1. Controllate il menu prima della stampa. Per evitare ogni errore: di impaginazione, di ortografia, di grammatica e… orrore! del nome dell’azienda o degli sposi!

 

  1. Chiedere un preventivo “tutto compreso”. A volte può essere una spiacevole sorpresa scoprire che nel preventivo del catering mancano i tavoli e le sedie.

 

  1. Sapere se il vostro catering ha un’assicurazione. Pensate sia scontato? Non è così: se si macchia il vestito del presidente, se la nonna inciampa nella tovaglia o se il vento ribalta l’ombrellone e rompe le vetrate della villa che avete preso in affitto, una buona assicurazione risolve ogni problema. E non tutti ce l’hanno!

 

  1. Il menu sembra ottimo, ma hanno la licenza? Sorprendentemente, l’arte del catering è oggi molto improvvisata, tanti non sanno che occorrono licenze specifiche per questa attività. Un’autorizzazione sanitaria ed una licenza amministrativa sono indispensabili. E non solo per evitare multe e sequestri al vostro fornitore, ma anche per scongiurare che i N.A.S. facciano irruzione durante il vostro ricevimento! In più è necessario assicurarsi che tutto lo staff sia perfettamente in regola con le posizioni contributive, per cui va richiesto il Durc (Documento unico sulla regolarità contributiva) dell’azienda.

 

  1. Chi garantisce la qualità dei cibi? E’ fondamentale che un menu sia piacevole al gusto e composto da pietanze di qualità. Non bastano però materie prime di qualità, i cibi sono delicati e vanno gestititi in modo appropriato, soprattutto quando si trasportano e vengono serviti in location particolari. E’ essenziale quindi che sia rispettata la catena del freddo e siano seguite le normative del settore HACCP.

 

  1. Chi organizza il matrimonio si ricorderà della torta? La domanda sembra superflua. In realtà è accertato che qualcuno si sia, come dire, dimenticato di questo dettaglio. Meglio non rischiare!

 

  1. Professionalità e Quantità. Generalmente un professionista sa calcolare piuttosto bene i quantitativi di cibi, attrezzatura e personale necessari. Non vi auguriamo di dover provare sulla vostra pelle il contrario, con metà dei vostri ospiti costretti a rinunciare al secondo…

 

  1. Quanti camerieri? Molti, troppi, pochi o pochissimi. In alcuni ricevimenti se ne perde traccia. L’ideale va da uno ogni dieci/quindici ospiti al massimo. Diversamente, contattare “Chi l’ha visto” e chiedere un rimborso.

 

  1. Ci staremo tutti? Spesso molti ristoratori sono un po’ troppo ottimisti. 150 persone in una sala di 120 metri quadri? A meno di soppalcarla (sconsigliato), ce ne vanno non più di 80, e se qualcuno vi garantisse il contrario, chiedete di veder prima la sala allestita, e contate tutte le sedie.

 

  1. La tentazione del ristoratore. Esistono ottimi ristoratori che si rivelano pessimi catering. Perché? Si tratta di mestieri completamente diversi, occorre possedere e saper utilizzare (non basta noleggiare) centinaia di migliaia di euro di attrezzatura, disporre di un’esperienza specifica ed essere in grado di risolvere i problemi dell’ultimo minuto. Quando si gioca in casa, è tutto più facile. Ma se si rompe il forno a 100 km da casa?

 

  1. A volte, meglio essere gelosi! Altro rischio da evitare è che il vostro fornitore si faccia prender la mano e venda 5 ricevimenti nello stesso giorno del vostro. Pagare lo stesso prezzo ed ottenere un quinto dell’attenzione (e delle risorse) a volte non vale la pena!

 

  1. Chiarite i numeri. Il prezzo spesso è in funzione del numero. E viceversa. Se prenotate per 100, pagherete per 100, anche se i presenti erano in realtà 85! Quindi meglio informarsi delle condizioni e del minimo garantito, nonché di eventuali margini di tolleranza.

 

  1. Provate il menu. Scegliete un catering che vi ispiri fiducia, ma non puntate tutto sulla stretta di mano. Anche il catering più professionale e rinomato può sfornare un piatto che “sembrava tanto buono” ma, in realtà, era diverso da quanto vi aspettavate. Per questo, chiedete di provare il menu, per avere un’idea precisa di quanto state acquistando.

 

  1. Tutto fatto in casa? A parole certamente sì, ma rimarreste stupiti di quanti quintali si surgelati scorrano ogni anno nelle cucine. Per questo, verificate di persona chiedendo che tutto venga messo su carta, per evitare un pranzo stile fast food.

 

  1. Prezzo troppo basso? Esistono due scuole di pensiero. La prima: se il prezzo è troppo basso la qualità sarà certo scarsa. La seconda: vale sempre la pena pur di spendere meno. Non necessariamente è così. Richiedere una proposta “no frills”, semplice e senza eccessive complicazioni può farvi ottenere un buon prezzo. L’importante è ottenere tutte le garanzie del caso e non rinunciare mai alla qualità!

 

  1. E adesso, a chi mi rivolgo? E’ la domanda di chi parla per tre mesi con il referente del catering e poi, sul più bello (durante il servizio), la tal persona non c’è. Oltre ad essere una garanzia del rispetto di quanto concordato, se il responsabile è presente saprete a chi rivolgervi per ogni necessità, dai cambiamenti dell’ultimo minuto alle necessità impreviste.

 

  1. Rispettare i tempi. Quante volte abbiamo sentito parlare di pranzi e cene interminabili? Quanti ricevimenti in cui, tra una portata e l’altra, trascorrono parecchi quarti d’ora? La lentezza del servizio è una pecca diffusa. Dipende da vari fattori: pochi camerieri, cucina non organizzata, inesperienza di chi ha studiato il menu o di chi lo sta cucinando e impiattando. Per evitare colpi di sonno fra gli ospiti, fatevi indicare un programma preciso con la durata del servizio ed i tempi di attesa previsti tra una portata e l’altra.

 

  1. Attenzione all’effetto “Cenerentola” Secondo alcuni ristoratori, il gioco è bello finché dura poco: ovvero, prima finisce il servizio e si torna a casa, meglio è. Se sotto l’aspetto gestionale un evento che non si dilunghi troppo è preferibile, è altrettanto vero che va definito con cura il programma e gli orari di un evento. Questo per garantire la qualità del servizio sia nella fase iniziale che in quella finale, e per evitare che, scoccata la mezzanotte, maitre e camerieri si dileguino magicamente nel buio, lasciandovi soli con una zucca in mano.

 

  1. Quando è meglio non essere originali. L’originalità di per sé è un elemento positivo, tuttavia in alcune occasioni è meglio mantenersi sul “classico”. Un esempio? Le divise del personale! La “divisa” nasce per contraddistinguere una funzione, e chi si occupa di accogliere e servire, come i camerieri, dev’essere impeccabile, vestire una divisa elegante e sfoggiare un aspetto ben curato. Sotto questo aspetto, meglio evitare la sorpresa di uno stuolo di camerieri trafelati, vestito ciascuno in modo diverso e magari con la barba del giorno prima o il piercing al naso. Direte: ma è ovvio, chi propone personale del genere? Bene, ma poi non lamentatevi!

 

  1. Anche l’occhio… Sostanza e forma si coniugano in molti modi diversi. Fermo restando che la qualità viene prima di tutto, che dunque è inutile un bel piatto se non è anche buono, meglio dedicare un po’ di attenzione anche all’immagine. Una crespella, ad esempio, si può presentare in tanti modi diversi! Si può immaginare come un elegante fazzoletto di crêpe, dal colore dorato, soffice ed elegantemente servita al centro di un piatto, magari con una piccola decorazione al fianco, e di solito funziona così. Ma molti rimarrebbero stupiti nel vedere quanti modi diversi ci sono per preparare la stessa pietanza. C’è chi le arrotola, chi le taglia a quadretti, chi le avvolge su se stesse, chi le ricopre di besciamella, chi le serve in una terrina o le presenta come una piccola frittata…

 

  1. Mai brancolare al buio. Ci sono splendide location che splendono letteralmente, almeno alla luce del sole. Tuttavia, se il vostro evento si svolgerà di sera, meglio assicurarvi che anche il vostro catering risplenda non solo per la qualità del cibo. Rimanere al buio o cenare nella penombra, individuando le posate solo grazie al tatto non è affatto piacevole. Ma anche senza arrivare a questi eccessi, verificate che o la location o il vostro catering provvedano ad assicurare un adeguata illuminazione dei punti cruciali: l’area del buffet, i punti di passaggio, la zona in cui i vostri ospiti ceneranno… non solo a lume di candela!

 

  1. Affidatevi all’esperienza. Oggi va molto di moda tra riviste, quotidiani e blog stilare elenchi di idee per distinguersi e rendere unico e indimenticabile il vostro evento. Sicuramente chi scrive è animato dalle migliori intenzioni, purtroppo però gran parte di questi suggerimenti vengono accolti da chi non ha alcuna esperienza e mettono a rischio anche eventi piuttosto semplici. I giochi con gli ospiti, l’idea che tutti seguiranno anche il programma più originale, la speranza che facendo le decorazioni in casa potrete risparmiare, l’incaricare la persona sbagliata di occuparsi dell’animazione, non sono mai idee che funzionano. Nella migliore delle ipotesi ne risentirà lo stile dell’evento. Nella peggiore vi ritroverete davanti all’imbarazzo degli ospiti. Dato che avete assunto un professionista, affidatevi alla sua esperienza: spiegategli cosa immaginate, e ascoltate i suoi suggerimenti. Se chi è davvero esperto vi risponderà che la vostra idea è suggestiva, ma vi consiglierà di lasciar perdere, ascoltatelo e affidatevi alla sua esperienza. In caso contrario, finirete per addebitare a lui il risultato mancato di una vostra pessima idea, e sarete entrambi considerati responsabili di una figuraccia evitabile.